Scalpelli per legno

comparazione tra occidentali e giapponesi

Alcune note sull'angolo di smussatura degli scalpelli

Di norma gli scalpelli occidentali vengono forniti con un angolo di 25°, gli scalpelli giapponesi con un angolo di 30°.

Gli scalpelli da mortasa potrebbero già avere un angolo più smussato quando li acquisti. Quando si affila uno scalpello è generalmente consigliabile attenersi all'angolo di inclinazione originale del prodotto. Per applicazioni speciali, tuttavia, è possibile modificare l'angolo di smusso.

scalpelli legno giapponesi

Legni teneri: se si lavora solo con legni teneri, come l'abete rosso, il pino o simili, soprattutto se si sta ritoccando qualche lavoro precedente senza martello, cioè usando solo la pressione del palmo della mano, l'angolo di inclinazione può essere leggermente ridotta, a 23° per gli scalpelli occidentali e a 28° per gli scalpelli giapponesi.

La finitura è più facile con questa angolazione, ma tieni presente che il tagliente è immediatamente molto più sensibile. Non utilizzare martello o movimenti di leva (che comunque dovrebbero essere sempre evitati).

scalpelli legno occidentali

Inoltre, non sottovalutare lo sforzo necessario per creare un angolo più acuto: dovrai sempre rettificare l'intero smusso.

Ti accorgerai di aver bisogno di un angolo più acuto solo in casi eccezionali e lo scalpello alterato dovrebbe quindi essere riservato esclusivamente a questi compiti specifici.

Per il legno tenero l'angolo standard è quasi sempre abbastanza buono! Può anche accadere che anche per un legno tenero sia necessario un angolo più smussato. Questo può succedere se si lavora un abete con uno schema di nodi pronunciato che ha l'effetto del legno duro sul tagliente, o se si decide di dare allo scalpello un vero colpo di martello.

Legno duro: aumentare assolutamente l'angolo di inclinazione quando si lavora con legno duro come faggio e quercia. Ciò rende il tagliente meno sensibile ed evita le frequenti intaccature sullo scalpello causate dalle maggiori sollecitazioni che si verificano durante la lavorazione dei legni duri.

Un angolo più smussato permette anche di fare leva occasionale, cosa difficile da evitare soprattutto nel caso di mortase profonde. In contrasto con un angolo più acuto, in realtà è abbastanza facile produrre un angolo smussato.

Non è necessario rettificare l'intero smusso, è sufficiente rettificare i primi 1 o 2 mm dietro il tagliente. Non dimenticare, se vuoi riportare lo scalpello a un angolo più acuto, dovrai rettificare l'intero angolo di smusso.

È possibile aumentare l'angolo standard di 25° degli scalpelli europei a 30° e l'angolo standard di 30° degli scalpelli giapponesi a 35°.

Sperimenta con tutti i mezzi valori intermedi! Le prestazioni di taglio ottimali potrebbero trovarsi ad un certo angolo tra i due estremi!

Alcuni consigli per l'acquisto di scalpelli

Un buon scalpello può mostrare quanto è buono solo se viene utilizzato per lo scopo per cui è stato progettato. Il cantiere è il posto sbagliato per uno scalpello costoso, perché lì il legno sarà schizzato di cemento e il pericolo di furto sarà alto.

Il miglior lavoro può essere ottenuto solo se lo scalpello è affilato. Non si dovrebbero mai usare mole a secco su scalpelli fini, perché fanno ammorbidire l'acciaio e il tagliente durerà pochissimo.

Attenzione al marketing dei produttori che praticamente promuovono i loro scalpelli con lo slogan "Affilati e pronti per l'uso: basta disimballare e iniziare a intagliare!" Affila sempre prima i tuoi nuovi scalpelli.

È necessario appiattire la parte posteriore dello scalpello fino alla planarità assoluta; in caso contrario, non puoi aspettarti rifiniture precise prima di aver affilato il tagliente.

affilatura scalpelli legno

Quindi affila la smussatura e infine leviga sia la smussatura che la faccia piatta. Non aver paura di usare una guida per l'affilatura.

Non c'è niente di più frustrante che affilare o riaffilare male perché stavi semplicemente tenendo lo scalpello nella posizione scorretta mentre lo lavoravi sulla pietra da affilatura.

Forse hai sentito una storia come questa: qualcuno ha trovato l'antico scalpello del nonno in un angolo della soffitta. Funzionava ancora, dopo essere stato affilato brillantemente a un filo che durò per secoli, e divenne lo strumento preferito per ogni lavoro.

Storie come questa sono in realtà vere, e non un miracolo, a causa delle proprietà dell'acciaio al carbonio.

Acciaio al carbonio

L'acciaio al carbonio è eccellente da affilare e ha un'elevata durezza. Nel 19° secolo, praticamente tutti gli utensili da taglio erano realizzati in acciaio al carbonio, il nome dato all'acciaio non legato con qualsiasi altra sostanza.

Può contenere fino all'1,7% di carbonio. Tuttavia, presenta alcuni svantaggi: è fragile, può essere denaturato se riscaldato e non è inossidabile.

Molti dei produttori odierni evitano questi svantaggi utilizzando leghe di acciaio. L'aggiunta di cromo e nichel rende l'acciaio inossidabile, l'aggiunta di tungsteno e molibdeno lo rende resistente al calore e l'aggiunta di titanio lo indurisce.

Le fonderie mescolano gli additivi per ottenere la migliore combinazione per il loro prodotto.

Tuttavia, questi vantaggi a loro volta portano i loro svantaggi. Gli utensili in acciaio inossidabile sono meno facili da affilare, ma intasano facilmente le mole e il tagliente si smussa più rapidamente.

Poiché gli svantaggi dell'acciaio al carbonio utilizzato negli utensili da taglio portatili sono più che controbilanciati dai suoi vantaggi, è preferibile utilizzare scalpelli in acciaio ad alto tenore di carbonio rispetto a quelli in acciai legati.

Gli scalpelli giapponesi sono realizzati in semplice acciaio ad alto tenore di carbonio. Gli scalpelli Cherry e MHG sono realizzati in acciaio legato.

comparazione scalpelli legno
Uso Dimensione Diametro
1 Lama da 16 mm da carpeniere 320 mm (12.598 inch) 43 mm (1.693 inch
2 Lama da 50 mm da carpentiere 355 mm (13.976 inch) 49 mm (1.929 inch)
3 Lama da 50 mm per falegnami e carpentieri 320 mm (12.598 inch) 49 mm (1.929 inch)
4 Lama da 40 mm con manico in faggio rivestito in fibra per carpenteria 333 mm (13.110 inch) 37 mm (1.457 inch)
5 Lama da 12 mm per realizzare mortase profonde 378 mm (14.882 inch) 49 mm (1.929 inch)
6 Lama da 14 mm per realizzare mortase profonde 370 mm (14.567 inch) 40 mm (1.575 inch)
7 Lama da 4 mm for general cabinetmaking. Questa misura è tipica degli scalpelli occidentali con lama di questo tipo 250 mm (9.843 inch) 26 mm (1.024 inch)
8 Lama da 28 mm blade width per falegnameria di grandi dimensioni. 298 mm (11.732 inch) 32 mm (1.260 inch)
9 Scalpello giapponese (Oire Nomi) dimensione standard, lama da 30 mm per falegnameria 228 mm (8.976 inch) 25 mm /0.984 inch)
10 Scalpello giapponese (Tataki Nomi), lama da 36 mm da carpentiere 294 mm (11.575 inch) 27 mm (1.063 inch)

Falegname

Pietre per l'affilatura

Falegname

Seghe giapponesi

Falegname

Maschera di foratura

Falegname

Segare il legno

Falegname

Organizzare il laboratorio del falegname

Falegname

Unboxing e test sega circolare Makita HS0600

Portaombrelli design Luca Perlini

PurplePrice

Portaombrelli design Luca Perlini

Attaccapanni equilibrio design Luca Perlini

PurplePrice

Attaccapanni equilibrio design Luca Perlini

Letto baldacchino design Luca Perlini

PurplePrice

Letto baldacchino design Luca Perlini

Tavolo cave design Luca Perlini

PurplePrice

Tavolo cave design Luca Perlini

Attaccapanni Bitta set design Luca Perlini

PurplePrice

Attaccapanni Bitta design Luca Perlini

Attaccapanni Bitta set design Luca Perlini

PurplePrice

Poltrona Ozio design Luca Perlini

hometrustworld
Portaombrelli design Luca Perlini

Condividi la tua esperienza