Anodizzare l'alluminio

colorazione fai da te

L'anodizzazione è un procedimento elettrochimico a cui viene sottoposto l'alluminio che permette di creare uno strato di ossido protettivo sulla superficie del pezzo.

Questo ossido può raggiungere una durezza di 9 sulla scala di Mohs (va da 1 a 10), quindi offre una protezione all'usura e agli agenti atmosferici preservando l'oggetto sottoposto.

Spessore ossido Utilizzo
5 micron Solo estetica
10 micron Per interni
15 micron Per esterni
20 micron Smog e atmosfere aggressive
25 micron Strutture architettoniche

Grazie a questo procedimento è anche possibile colorare il pezzo del colore desiderato.

anodizzare fai da te

Le fasi che compongono questo processo sono:

  • Pulizia e sgrassatura del pezzo tramite lavaggio in una soluzione di idrossido di sodio (soda caustica) per rendere uniforme la colorazione.
  • Bagno elettrochimico è in questa fase che si forma lo strato d'ossido protettivo, in base alla sua durata e alle sue caratteristiche, lo strato avrà spessori e caratteristiche diverse.
  • Colorazione è in questa fase non obbligatoria ai fini della protezione meccanica che si da il colore al pezzo, infatti dopo l'anodizzazione il pezzo si presenta color alluminio. Per colorarlo si possono usare gli inchiostri da stampa per stampanti a getto d'inchiostro.

Pulizia e sgrassatura o Rimozione dell'anodizzazione precedente

La soluzione sarà composta da 10g di soda caustica per ogni 100ml di acqua distillata. Versate la soda caustica nell'acqua, "mai dare da bere ad un acido". La reazione produrrà calore, quindi aggiungete la soda gradualmente.

Dopo aver lasciato immerso il pezzo, risciacquatelo immergendolo in acqua distillata. Non toccate più il pezzo con le mani fino alla fine del trattamento

Con questo sistema potrete anche rimuovere una precedente anodizzazione. Se si tratta di una lega il suo colore può dopo il trattamento essere di diversi colori, per esempio l'ergal si presenterà nero.

Bagno elettrochimico

anodizzazione alluminio sezione

Si prepara prendendo un contenitore di vetro o plastica robusto, esso conterrà una soluzione di acido solforico (170g di acido solforico per 1 litro di acqua distillata).

Utilizzate sempre guanti e protezioni per maneggiare sostanze pericolose.

Inserite un catodo (polo negativa) di piombo o di alluminio puro (per es. alluminio per alimenti in rotoli) che circondi il pezzo da anodizzare.

Per calcolare la giusta corrente da applicare al vostro bagno elettrolitico dovrete calcolare geometricamente la superficie del vostro pezzo e applicare la seguente regola:

Spessore ossido(in micron) = 0,03 x Tempo(in minuti) x Densità di corrente(mA/cm²)

Per conoscere quindi la densità di corrente utilizziamo la formula inversa

Densità di corrente = spessore / (0,03 x Tempo)

Per esempio, con trattamenti da 10 a 60 minuti e correnti da 10 a 20 mA/cm² si otterranno spessori che vanno 5 a 35 micron,

Come procedere all'anodizzazione?

Dopo aver calcolato la densità si corrente necessaria e aver deciso il tempo di applicazione, regolate collegate l'anodo (polo positivo) al pezzo da anodizzare.

Tenete presente che il bagno elettrolitico:

  • Non superi mai la temperatura di 21°C, mettete il contenitore del bagno in acqua e ghiaccio per raffreddare se necessario.

Una volta rimosso il pezzo dopo il bagno risciacquate in abbondante acqua.

Superficie porosa dopo l'anodizzazione

Il trattamento crea dei micropori sulla superficie del pezzo anodizzato, con una disposizione a nido d'ape. Questa struttura microscopica rende più dura la superficie e permette di accogliere i pigmenti che renderanno colorato il pezzo anodizzato.

processo anodizzazione alluminio porosità

Colorazione

aspetto alluminio colorato microscopio

Procuratevi degli inchiostri liquidi per stampanti a getto d'inchiostro. Le tinte necessarie per ottenere qualsiasi sfumatura di colore sono quattro:

  • Ciano
  • Magenta
  • Giallo
  • Nero

Tramite un programma di grafica su computer scegliete il colore e seguite le proporzioni indicate dal software per dosare la proporzione tra gli inchiostri ed ottenere il colore prescelto. Usate una bilancia e delle siringhe per dosare correttamente la proporzione.

Sciogliete il pigmento ottenuto in acqua distillata (6g di colore per ogni 100ml di acqua), preriscaldate la soluzione e mettete a bagno il pezzo portando poi il tutto ad una temperatura di 70°C circa per 15 minuti.

Meccanico

Le viti e i cacciaviti

Meccanico

Manutenzione programmata

Meccanico

Meccanico professionista

Meccanico

Smerigliatrice angolare DeWalt DWE4246

Meccanico

Forare con il trapano

Meccanico

Lubrificante sbloccante fatto in casa

hometrustworld

Condividi la tua esperienza